Raganella (Hyla intermedia)


Raganella, G. Stagni, [s.d.]



Identificazione
Gli adulti arrivano fino a 5 cm di lunghezza; la pelle è liscia e le zampe sono lunghe, con caratteristici ingrossamenti adesivi a forma di disco sulla punta delle dita. Il colore è verde brillante e uniforme, talora verde oliva o grigio bruno. Una striscia scura si estende dall'occhio attraverso il timpano e lungo i fianchi, per poi diramarsi verso l'alto e il basso in corrispondenza dell'inguine. I maschi presentano un sacco vocale grande ed evidente sotto il mento.

Distribuzione
Endemismo italico diffuso in tutta l'Italia peninsulare e in Sicilia. Il limite nord-orientale di questa specie coincide con il confine sloveno; rimane ancora da definire quello nord-occidentale. Fino a poco tempo fa era considerata come H. arborea (Linnaeus, 1758); recenti studi hanno definito le popolazioni italiane come facenti parte di una specie separata, proponendo il nome di H. italica. Successivamente a questa specie è stato assegnato il nome di H. intermedia.

Abitudini
La raganella è un anfibio molto propenso ad arrampicarsi: è arboricola e vive su alberi, arbusti, canneti, in prossimità di ambienti umidi, anche temporanei e di limitata estensione; scende durante il periodo degli amori. La riproduzione avviene tra la fine di marzo e maggio. La metamorfosi ha luogo dopo 2-3 mesi.

Specie simili
Raganella mediterranea.

Variabilità
Esistono variazioni regionali nella lunghezza delle zampe. Le raganelle delle isole Corsica, Sardegna, Elba e Capraia tendono ad essere più piccole, ad avere il muso più corto, la striscia laterale è poco sviluppata, sul dorso possono esserci delle punteggiature distinte e le zampe posteriori possono avere delle bande incrociate.

Curiosità
Un tempo si diceva che quando il canto delle raganelle preannunciava la pioggia.

 

 

 

Loading


Foto del mese




Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter.

iscriviti



Seguici su facebook