Tritone punteggiato (Triturus vulgaris)


Tritone, [s.a.], [s.d.]


Identificazione
Gli adulti di T. vulgaris arrivano fino a 11 cm di lunghezza, compresa la coda e generalmente i maschi sono appena più grandi delle femmine. Entrambi i sessi presentano una cresta vertebrale che si continua con quella caudale, ma nei maschi in fregola è molto più alta; la gola è bianca o giallastra, più chiara del ventre che risulta bianchiccio sui lati, mentre nella parte mediana va dal giallo al rosso aranciato con caratteristiche macchioline più scure. Il giovane metamorfosato è più simile alla femmina e le parti dorsali sono bruno-giallastre.

Distribuzione
Asia centrale, Europa e Mediterraneo. La specie comprende 6 sottospecie, 5 delle quali presenti in Europa. In Italia è presente solo con la sottospecie T. v. meridionalis diffusa dal Canton Ticino fino ad una fascia che congiunge Ancona a Napoli.

Abitudini
Rispetto agli altri tritoni europei T. vulgaris è più terragnolo; si può trovare in molti ambienti umidi come laghi, stagni e fossati oltre che in giardini, boschi, prati e mucchi di pietre. Preda vari invertebrati acquatici o terricoli. La riproduzione avviene in acque tranquille e poco profonde, preferendo stagni ricchi di vegetazione e fossi. Il corteggiamento e la deposizione avvengono in marzo. Il periodo riproduttivo dura 20-30 giorni, dopo i quali gli adulti si allontanano dall'acqua. La metamorfosi si compie in circa 3 mesi. Il periodo di attività  si protrae fino a luglio­agosto.

Specie simili
Tritone palmato, tritone di Montandon, tritone italiano.

Variabilità
Esistono considerevoli variazioni nella taglia, nelle dimensioni delle punteggiature sul ventre e nella livrea nuziale dei maschi.

Curiosità
Loading


Foto del mese




Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter.

iscriviti



Seguici su facebook