Storno

Sturnus vulgaris

Caratteri distintivi

Un uccello ben noto, con becco lungo, corpo compatto e ali e coda corte che gli conferiscono un aspetto tozzo. àˆ altamente gregario: spesso forma fitti stormi che si possono osservare mentre compiono evoluzioni aeree all’unisono. Il volo è caratteristico: veloce e diritto, occasionalmente con brevi momenti ad ali chiuse, e ogni tanto con qualche planata. Ha un’andatura vivace e irregolare, in apparenza attiva e intraprendente. Gli adulti in piumaggio nuziale sono neri con piumaggio iridescente; le parti inferiori sono spruzzate di bianco, più nella femmina che nel maschio; il becco è giallo, con base blu nel maschio. I subadulti sono simili, ma l’intero piumaggio è densamente spruzzato di bruno e bianco, il becco è bruno. I giovani sono nero bruno uniforme con gola bianco sporco.

Voce

In genere è molto rumoroso in particolare negli stormi. àˆ un eccellente imitatore, non solo di altri uccelli, ma anche di animali domestici o di rumori del traffico. La nota più comune è un raspato ‘tciir’ e un chiaro ‘piioo’ in calando.

Distribuzione generale

Comune, ma assente in Spagna, Portogallo, Corsica e Sardegna, dove è stato sostituito dallo Storno nero; le popolazioni settentrionali migrano verso Sud durante l’inverno occupando le stesse aree dello Storno nero.

Habitat

In genere è associato alla presenza dell’uomo e del bestiame; non ha particolari preferenze ma necessita di pascoli con erba bassa e prati nelle vicinanze di alberi o edifici umani ove nidificare.

Alimentazione

Più o meno onnivoro; durante la stagione riproduttiva predilige le larve d’insetto.

Riproduzione e uova

XXXX

Distribuzione e presenza nella Riserva Naturale Palude Brusà Vallette

XXXX

Riproduci l’audio

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter

    Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy.

    Un anno di rilievi nell’0asi del BrusàGUARDA IL VIDEO