Basettino

Panurus biarmicus

Caratteri distintivi

Un uccello vistosamente colorato, simile ad una cincia, con coda lunga e corpo compatto. Entrambi i sessi hanno parti superiori bruno fulvo con striature nere e bianche sulle spalle e sulle ali. La coda rappresenta la metà  della lunghezza totale; è bruna, con copritrici del sottocoda vistosamente punteggiate di nero. Le parti inferiori sono più chiare, ma i fianchi sono dello stesso colore delle parti superiori. Il maschio ha testa blu grigio con ampie basette (mustacchi) nere. La femmina ha testa grigio bruna con segni sul vertice. Entrambi i sessi hanno becco rosa o arancio e iride da giallo ad arancio. I giovani sono gialli laddove gli adulti sono bruni e hanno becco scuro. Nei canneti, a coppie o a gruppi famigliari durante la stagione riproduttiva, in stormi in inverno. Volo laborioso. Gli stormi in migrazione mostrano una caratteristica forma a palla. Talvolta è ben visibile e confidente, in altre occasioni elusivo e rilevabile esclusivamente per mezzo del caratteristico richiamo.

Voce

Richiamo un chiaro e fischiante ‘ping ping’. Canto difficilmente udibile. Distribuzione. Generalmente scarso, ma in alcuni anni localmente numeroso.

Distribuzione generale

XXXX

Habitat

Canneti estesi con piante di età  variabile.

Alimentazione

Durante l’estate insetti e altri invertebrati, in inverno esclusivamente semi delle canne.

Riproduzione e uova

XXXX

Distribuzione e presenza nella Riserva Naturale Palude Brusà Vallette

XXXX

Riproduci l’audio

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter

Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy.

A seguito della pubblicazione del nuovo DPCM del 9 marzo 2020 su tutto il territorio nazionale, fino al 3 aprile, saranno in vigore le limitazioni nello spostamento e nello svolgimento delle varie attività. Per quanto riguarda l'Associazione Naturalistica Valle Brusà:

  • Annulate LE APERTURE DEL SECONDO SABATO E DELL'ULTIMA DOMENICA DEL MESE
  • Tutte le attività sono sospese fino al 3 Aprile
  • Sede CHIUSA fino al 3 Aprile

Capirete che questa non è una scelta ma una disposizione del Ministero della Salute al fine di "contenere" e combattere  questo virus.