Cappellaccia

Galerida cristata

Caratteri distintivi

Si riconosce per la lunga cresta appuntita, evidente anche quando non eretta. Ha piumaggio bruno o bruno grigiastro e parti superiori con striature nere slavate. Testa con segni leggermente più marcati che nell’Allodola, con mustacchi e stria sotto gli occhi scuri. Petto con fitte striature nere slavate, che si estendono sui fianchi. Ventre bianco grigiastro. Coda nera, abbastanza corta, con timoniere esterne fulvicce. Becco lungo e forte e petto robusto. Volo fortemente ondulato, e starnazzante. Le ali ampie e la coda corta le conferiscono una silhouette compatta. Generalmente solitaria, in coppie o piccole famiglie ma mai in stormi. Di solito molto confidente, preferisce fuggire correndo invece che involarsi.

Voce

Richiamo un soffice ‘diuii’ o ‘tsuieu’. Canta a terra, su bassi posatoi o in volo; emette un flautato ciarlio ‘dai-dai-laiuu’ o variazioni sul tema. Imita anche altri uccelli.

Distribuzione generale

Prevalentemente residente. Raro ma diffuso nelle aree nordoccidentali della regione Paleartica, ma comune nelle aree sudoccidentali e sudorientali.

Habitat

Pianure aperte sabbiose, con vegetazione sparsa, spesso nelle vicinanze di insediamenti umani. Evita i boschi e le zone umide.

Alimentazione

Invertebrati, semi e foglie, che raccoglie in superificie o sondando il terreno.

Riproduzione e uova

XXXX

Distribuzione e presenza nella Riserva Naturale Palude Brusà Vallette

XXXX

Riproduci l’audio

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter

Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy.

A seguito della pubblicazione del nuovo DPCM del 9 marzo 2020 su tutto il territorio nazionale, fino al 3 aprile, saranno in vigore le limitazioni nello spostamento e nello svolgimento delle varie attività. Per quanto riguarda l'Associazione Naturalistica Valle Brusà:

  • Annulate LE APERTURE DEL SECONDO SABATO E DELL'ULTIMA DOMENICA DEL MESE
  • Tutte le attività sono sospese fino al 3 Aprile
  • Sede CHIUSA fino al 3 Aprile

Capirete che questa non è una scelta ma una disposizione del Ministero della Salute al fine di "contenere" e combattere  questo virus.