Fagiano comune – Fagiàn

Phasianus colchicus

Caratteri distintivi

Uccello con testa piccola e coda lunga (lunghezza assai variabile). Il maschio ha testa e collo con riflessi verde metallico e ciuffi dello stesso colore dietro gli occhi, parti superiori color rame, iridescenti, e coda color bruno ruggine; segni a mezzaluna sul petto e i fianchi, e coda barrata di nero. Di solito ha un collare bianco. Ali più chiare del corpo; centro del ventre e regione cloacale neri. Il maschio ha un’area rossa glabra intorno agli occhi e caruncole rosse sotto. Piumaggio variabile a causa dell’introduzione di varie razze. La femmina bruno chiaro con segni neri di sopra e lungo i fianchi; coda più corta; doppia barra della coda, nera e castana. I giovani come le femmine adulte ma più opachi e con coda ancora più corta.

Voce

Il maschio produce un sonoro e stridulo ‘korrk-korrk’ bisillabico.

Distribuzione generale

Introdotto in Europa dall’area caucasica e dalla Cina; il numero fluttua notevolmante in funzione della pressione venatoria.

Habitat

Valli boscose, campi coltivati, parchi, cespuglieti, boschi o acquitrini con canneti.

Alimentazione

Onnivoro. Si ciba di granaglie, semi, bacche, germogli verdi, radici, artropodi e molluschi che si procura razzolando, scavando con le zampe e il becco.

Riproduzione e uova

XXXX

Distribuzione e presenza nella Riserva Naturale Palude Brusà Vallette

La popolazione è rinforzata con soggetti rilasciati per scopi venatori.
Roberto Pollo

Riproduci l’audio

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter

Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy.

A seguito della pubblicazione del nuovo DPCM del 9 marzo 2020 su tutto il territorio nazionale, fino al 3 aprile, saranno in vigore le limitazioni nello spostamento e nello svolgimento delle varie attività. Per quanto riguarda l'Associazione Naturalistica Valle Brusà:

  • Annulate LE APERTURE DEL SECONDO SABATO E DELL'ULTIMA DOMENICA DEL MESE
  • Tutte le attività sono sospese fino al 3 Aprile
  • Sede CHIUSA fino al 3 Aprile

Capirete che questa non è una scelta ma una disposizione del Ministero della Salute al fine di "contenere" e combattere  questo virus.