Passera mattugia

Passer montanus

Caratteri distintivi

Sessi simili, a differenza della Passera oltremontana; i giovani sono leggermente più opachi. Si distingue dalle passere sarda e oltremontana per il collare bianco quasi completo, la macchia nera sulle copritrici auricolari, il bavaglino nero più piccolo e non esteso oltre la gola, la testa bruno cioccolato e il richiamo in volo. Dorso e ali bruno striato di nero, groppone giallo bruno, coda bruno scuro e parti inferiori bianco sporco. Si unisce spesso ad altri passeri e fringuelli.

Voce

Ricorda quella della Passera oltremontana, ma è più acuta, tersa e melodiosa. Caratteristico è il richiamo in volo: un acuto ‘tek tek’.

Distribuzione generale

Da comune ad abbastanza comune. Le popolazioni delle latitudini più alte migrano verso Sud in inverno.

Habitat

Differisce a seconda delle aree; in genere predilige la campagna aperta con alberi sparsi, frutteti e terreni rurali dove si sovrappone all’areale della Passera oltremontana. Sostituisce la Passera oltremontana nelle aree dove questa non è presente.

Alimentazione

In prevalenza insetti e semi; nelle vicinanze degli insediamenti umani la dieta è molto più varia.

Riproduzione e uova

XXXX

Distribuzione e presenza nella Riserva Naturale Palude Brusà Vallette

XXXX

Riproduci l’audio

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter

Acconsento al trattamento dei dati secondo la Privacy Policy.

A seguito della pubblicazione del nuovo DPCM del 9 marzo 2020 su tutto il territorio nazionale, fino al 3 aprile, saranno in vigore le limitazioni nello spostamento e nello svolgimento delle varie attività. Per quanto riguarda l'Associazione Naturalistica Valle Brusà:

  • Annulate LE APERTURE DEL SECONDO SABATO E DELL'ULTIMA DOMENICA DEL MESE
  • Tutte le attività sono sospese fino al 3 Aprile
  • Sede CHIUSA fino al 3 Aprile

Capirete che questa non è una scelta ma una disposizione del Ministero della Salute al fine di "contenere" e combattere  questo virus.